Lampedusa, un’isola straordinaria. Tutta da conoscere.

 IMG_20170716_092143

Lampedusa (‘mpidusa in dialetto, Lopadusa per gli antichi) è la più grande delle Isole Pelagie, arcipelago formato anche dalla vulcanica e ammaliante Linosa e dall’isolotto disabitato e selvaggio di Lampione.

Arrivare a Lampedusa è tutto sommato abbastanza semplice, in particolar modo in estate, quando vengono attivati i voli con alcuni dei principali aeroporti d’Italia e i collegamenti marittimi sono più veloci grazie agli aliscafi.L’isola è provvista di un aeroporto internazionale di nuova costruzione, dalla particolare forma di nave e inaugurato il 21 luglio 2012, e di due porti situati su coste opposte. Siamo partiti da Roma e abbiamo impiegato esattamente 1 ora di viaggio. Uno spettacolo!

Oltre alle sue spiagge e al mare che la bagna, a ben vedere il bene più prezioso, questa piccola isola – siciliana, ma più vicina alle coste africane – riserva tante affascinanti sorprese se vissuta appieno in ogni suo aspetto.
IMG-20170717-WA0016Entrare in contatto diretto con gli isolani è sicuramente il primo passo fondamentale per scoprire questa realtà fuori dal comune. Guadagnandoti la loro confidenza potrai avere accesso a situazioni altrimenti difficili da provare: una semplice pescata, o un giro attorno all’isola, con il cicerone giusto possono diventare esperienze uniche. Noi abbiamo fatto un giro in barca con Liliana (Per info e prenotazioni 3275442828) ed abbiamo passato una piacevolissima giornata tra tuffi in mare e il pranzo squisito preparato dalla chef. La consiglio vivamente.

Abbiamo affittato una casetta sul portale di airbnb (https://www.airbnb.it/rooms/15678517?s=51)  e ci siamo trovati benissimo, ci sono venuti a prendere in aeroporto e ci hanno fatto trovare la vespetta per girare l’isola. L’appartamento in villa panoramica di recentissima costruzione. A pochi passi dalla meravigliosa spiaggia di Cala Madonna e Cala Croce. Dotato di ogni comfort, è il luogo ideale per una vacanza da sogno in pieno relax. L’alloggio è molto luminoso con ambienti ampi ed accoglieIMG_20170716_083209nti. La veranda esterna arredata permette di godersi in pieno l’atmosfera del luogo di fronte un tramonto inequiparabile. La struttura offre ampi spazi esterni con parcheggio privato. Transfer aeroporto / porto gratuito. L’host si chiama Pierpaolo ed è stato veramente ospitale. Basta chiedere a lui per informazioni  per l’affitto della vesapetta.

Dopo avere girato le diverse calette, affascinanti come la Guitgia, Cala Croce, Cala Madonna, Cala Greca, Cala Galera, Cala Pulcino, Mare Morto, Cala Creta, Cala Pisana e Cala Francese, siamo andati sempre all’isola dei conigli. La spiaggia ti toglie il fiato per la  bellezza,un vero paradiso. Si tratta di una autentica meraviglia, in uno scenario da sogno, immersa in un’atmosfera incantata, con una incredibile fauna marina e un’acqua la cui limpidezza e le cui sfumature azzurre attraggono visitatori e turisti da ogni parte del mondo.L’Isolotto dei Conigli è un posto incantevole che si trova nella parte sud ovest dell’isola di Lampedusa.Si tratta di una piccola isola che sorge al centro di un’ampia baia, la cui superficie è di circa 4.4 ha, mentre l’altezza massima di 26 m.

IMG_20170716_092135L’isolotto è il regno del gabbiano reale, che conta una popolazione di circa 100 coppie, ed è qui che nidifica; inoltre vive esclusivamente sullo scoglio (oltre che nelle zone africane dalle quali proviene) una particolare specie di lucertola, la psammodromusalgirus.Controversa è l’origine dell’attuale nome della baia. In una carta dell’ammiraglio Smith (1824) si legge per la prima volta “Rabit Island”.Nelle cartografie successive tale toponimo venne impropriamente tradotto dall’inglese (rabbit = coniglio), mentre appare più verosimile la sua derivazione dal termine arabo “Rabit”, che può essere tradotto in legame (o che lega, che collega) suggerendo un plausibile riferimento all’istmo che si forma di rado tra l’isolotto e la costa.La denominazione italiana potrebbe, dunque, essere considerata un vero e proprio qui pro quo linguistico.

Secondo altri, invece l’origine del nome è dovuta al fatto che, molti anni addietro, una colonia di conigli raggiunse l’isolotto proprio nel momento in cui esso era collegato alla terraferma.

Quando il ponte di sabbia sparì e le acque del mare riemersero, i conigli rimasero intrappolati, si riprodussero, divenendo così numerosi tanto da far battezzare il luogo “Isola dei Conigli”.

Il tutto rimane quindi “legato” a questo strano e affascinante fenomeno che vede l’isolotto ricongiungersi alla terraferma, le cui motivazioni scientifiche sono forse ancora poco chiare.

La spiaggia dei conigli è famosa anche perché ogni anno, tra giugno e settembre, le tartarughe marine caretta caretta vanno a deporre le loro uova. I nidi, sotterrati dalle tartarughe tra la sabbia, sono controllati da Legambiente, che si occupano di salvaguardare l’area. Infatti l’accesso alla spiaggia ha degli orari stabiliti  tra le 8.30 e 19.30! Inoltre la spiaggia, di sabbia finissima e chiara, non ha servizi: se vuoi un ombrellone devi prenotarlo al Bar che si trova in cima e poi fare la passeggiata verso la spiaggia. Altrimenti nell’altra metà della spiaggia non è possibile mettere ombrelloni o spiaggette, ma solo un telo.

Per gli amanti della buona cucina e del buon vino è d’obbligo una cena nei ristoranti dell’isola. La cucina “Lampedusana” è un abbinamento perfetto tra pesce freschissimo e prodotti genuini della nostra terra, si propone come uno splendido esempio di cucina mediterranea.

La Via Roma è il Corso Principale dell’Isola. Su di essa si affacciano numerosi bar, pub, ristoranti e locali di altre attività, infatti, la Via Roma è ormai da anni il punto focale della movida lampedusana, soprattutto in prima serata. Nel tratto che si estende dal Comune al Lungomare è stato fatto nel 2012 un restyling, da allora è divenuto isola pedonale.

 

IMG_20170716_192715Da non perdere l’aperitivo da O scia’.  La parola viene usata esclusivamente a Lampedusa, e significa come hanno scitto in tanti: mio respiro, fiato mio.
Si trova sulla selvaggia scogliera nord-ovest di Lampedusa. Immerso in un paesaggio suggestivo, il club ha un aspetto unico e caratteristico, fortemente legato al mare e alla tradizione della pesca. La posizione del locale offre una vista mozzafiato ed è il punto migliore dell’intera isola per ammirare magnifici tramonti.Dalla scogliera è possibile osservare il faro di Capo Levante, i pescherecci che fanno rientro al porto e, spesso, meravigliosi banchi di delfini.Grazie ad una torretta di avvistamento appositamente ristrutturata, si possono vedere le restanti isole dell’arcipelago delle Pelagie: Linosa e Lampione.

 

Galleria Immagini

 

 

2 Responses to Lampedusa, un’isola straordinaria. Tutta da conoscere.

  1. visit web site scrive:

    Hiya, I am really glad I have found this info. Nowadays bloggers publish just about gossips and internet and this is actually irritating. A good site with interesting content, this is what I need. Thank you for keeping this web site, I’ll be visiting it. Do you do newsletters? Can not find it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *