Germania-Olanda-Belgio

20180826_220225

Siamo fuggiti dal caldo terribile di Roma in agosto 2018 per giungere nell’Europa del Nord. Ogni volta che si torna da un viaggio così intenso non si è mai più gli stessi. L’ordine e la pulizia delle strade, le piste ciclabili interminabili, le biciclette accatastate una sopra l’altra, la cultura, la storia, la bellezza dei posti e i semafori per le biciclette ci hanno stregato a tal punto che tornare a Roma ci ha profondamente traumatizzato. Cosa ci rimane di questo viaggio ? Sicuramente  le immense distese di prati verdissimi che si spingono fin oltre la nostra vista senza la minima ombra di qualche collina , le  migliaia di mucche  sazie e soddisfatte che  giacciono beate sull’erba; e poi ci sono i classici mulini e le  casette  con i davanzali pieni di gerani che sembrano uscite da un libro delle favole. Tutto intorno solo silenzio, ordine  e pace. E poi c’è Amsterdam, la multietnica Amsterdam con le sue case storte. La città dei ragazzi, dell’ amore, della vita e della libertà. Romantica e trasgressiva ma sicuramente affascinante.

Visualizza la mappa del tour

 

I Tappa – Bolzano

Prima di arrivare in Germania abbiamo dovuto fare una tappa intermedia a Bolzano e abbiamo dormito gratuitamente (perché dalle 19.00 non si paga) nell’area di sosta di fronte al cimitero di Bolzano e di fianco ad un distributore della Esso, a 100 metri dalla ferrovia (Indirizzo: Via Maso della Pieve). Circa 8 posti, con zona di scarico. Servita da mezzi pubblici. Nei dintorni: Con il bus 10A o 110 si può raggiungere il centro città in pochi minuti, a piedi ci si impiega circa 40 minuti su percorso pedonale/ciclabile.

 

Friburgo

Friburgo

II Tappa  Friburgo

 

Freiburg imBreisgau è la principale città della Foresta Nera. A piedi delle colline ammantate di foreste della Selva Nera e di vigneti, Friburgo è una cittadina universitaria con un centro storico da libro delle favole formato da case a graticcio e viuzze acciottolate. Con grande stupore abbiamo scoperto che Friburgo, che è baciata dal sole 2000 ore all’anno, ha pensato di sfruttare la tanta energia naturale e oggi da sola produce energia solare pari a quella generata dall’intera Gran Bretagna, il che la fa diventare una delle città più ecologiche del paese.

Il monumento che per maestosità e bellezza attira maggiormente il visitatore è il Münster, la Cattedrale gotica con l’imponente campanile terminato intorno al 1330 e alto 116 metri. »

Siamo andati con una funivia “SchlossBerg Bahn” nella parte alta della città, per ammirarla dall’alto, dove c’è la possibilità di percorrere un sentiero e camminare dentro la Foresta nera.

Dove alloggiare

Wohnmobilstellplatz Freiburg
Indirizzo: 30, Bissierstraße, Freiburg im Breisgau, Germania
Telefono: +49 761 2025139

Ottima area camper. Grandissima ed economica. A 2 km dal centro a piedi. Centro città comodamente raggiungibile in bicicletta o con il tram la cui fermata dista circa 200 metri dall’ingresso. 10 euro per una notte, corrente esclusa, che si si paga con le monete a parte.

 

IMG-20180804-WA0005III Tappa Francoforte

Francoforte, città della Germania centrale costruita sul fiume Meno, è un importante snodo finanziario sede della Banca Centrale Europea. È il luogo natale del famoso scrittore Johann Wolfgang von Goethe, la cui casa è stata oggi trasformata in un museo. Come gran parte della città, anche questa casa venne danneggiata durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale e ricostruita solo in seguito. Nell’Alstadt, o città vecchia, si trova il Römerberg, la piazza che ospita l’annuale mercatino di Natale. Per ammirare lo skyline di Francoforte bisogna salire sulla Main Tower, uno dei grattacieli più alti di Francoforte . Un ottimo posto per una panoramica generale su “MainHattan”. E poi nel pomeriggio è necessario farsi il giro dello shopping allo Zeil che è una zona pedonale fiancheggiata da grandi magazzini, centri commerciali e negozi di grandi catene.

Dove alloggiare

City Camp Frankfurt Indirizzo: An der Sandelmühle 35B, 60439 Frankfurt am Main, Germania
Telefono: +49 69 570332

Campeggio essenziale, bagni puliti, docce calde, acqua bollente. La direzione é molto easy. Si é liberi di uscire ed entrare senza problemi anche se ci sono degli orari da rispettare. Posizione ottimale, vicina al centro, area del campeggio tranquilla, immersa nella natura. Alcuni hanno scritto che il proprietario è maleducato e purtroppo devo confermare quanto scritto nelle recensioni molti turisti. Siamo arrivati in campeggio alle 20.30 e a mala pena il cafone del proprietario ci ha fatto entrare. Non ci ha dato neanche i gettoni per le docce perché la reception era chiusa. Purtroppo è l’unico campeggio vicino alla città, molto comodo perché a 500 metri c’è la fermata della metro. Inoltre è abbastanza costoso perché per quello che offre, 50 euro per 4 persone e il camper a notte è vermanete eccessivo.

 

Maastricht

Maastricht

IV Tappa Maastricht

Maastricht è una delle città più antiche dell’Olanda, come è possibile constatare passeggiando per il centro storico. Chiese, mura di cinta, palazzi monumentali, vaste piazze si combinano perfettamente con un’ampia varietà di negozi. Il centro è molto piccolo, si gira in meno di un’ora. Abbiamo mangiato un’ottima pizza italiana cotta a forno a legna nella piazza Markt.

Dove alloggiare

Purtroppo non abbiamo trovato posto nel campeggio che si trova a Oosterweg 1A, 6245 LC Eijsden, Paesi Bassi Provincia: Limburgo (Telefono: +31 43 409 3215). Era semplicemente bellissimo. Lago balneabile, tanto verde, ambiente tranquillo e accogliente. Tutto perfetto! Ideale per qualche giorno di perfetto relax. Servizi ottimi e personale molto gentile. Maastricht si raggiunge facilmente in autobus. In compenso abbiamo alloggiato con solo 15 euro in una ottima Camperplaatz, a 3 Km dal centro, raggiungibile solo con la bicicletta. Camperplaats Stellplatz (Indirizzo: Bosscherweg 35, 6219 ND Maastricht Provincia: Limburgo Telefono: 06 52027248), ma non vi sono servizi igienici, solo scarico e carico.

 

Giethoorn

Giethoorn

V Tappa Giethoorn

Giethoorn è un paese, veramente incantato,  quasi interamente pedonalizzato nella provincia olandese nord-orientale dell’Overijssel. È famoso per i canali solcati da un gran numero di barche, i sentieri, le piste ciclabili e le antiche abitazioni con il tetto di paglia. A Giethoorn, una località tipicamente olandese della provincia dell’Overijssel, puoi farti un’idea precisa di come gli Olandesi gradiscano vivere con e sull’acqua. Immerso in un ambiente ricco di laghetti, canneti e boschi, sorge questo incantevole villaggio con le sue splendide fattorie dai tetti ricoperti di canne e i suoi caratteristici ponticelli di legno. Il villaggio di Giethoorn è sorto come insediamento degli estrattori di torba. Tale attività causò la formazione di stagni e laghi nell’ambiente circostante e la gente iniziò a costruire le case sugli isolotti tra un bacino e l’altro. Abbiamo infatti affittato una  barchetta, per due ore, per  ammirare le magnifiche fattorie del 18° e del 19° secolo dall’acqua e passare sotto i ponticelli di legno. Veramente Fantastico!

 

Dove alloggiare

Abbiamo soggiornato in una splendida area Sosta Camper “Haamstede” (Indirizzo: Kanaaldijk 17, 8355 VJ Giethoorn Provincia: Overijssel Telefono: 06 29004907.

 

Texel

Texel

VI Tappa l’isola di Texel

Con un arenile che si estende per 30 chilometri, l’isola di Texel è un autentico paradiso per gli amanti della spiaggia. Ma Texel offre molto di più: sette villaggi, uno più incantevole dell’altro, e paesaggi naturali magnifici. Inoltre Texel è facilmente raggiungibile in poco tempo. Il mare non è cristallino, ma le spiagge sono veramente immense. Da Den Helder la traversata in traghetto per arrivare sull’isola dura solo venti minuti. L’isola è un luogo magico caratterizzato da panorami mozzafiato e scorci pazzeschi. La natura incontaminata disegna paesaggi di straordinaria bellezza. I suoi 30 chilometri di spiaggia la rendono perfetta per chi vuole godersi con calma e tranquillità il Mare del Nord. Il Faro rosso di Texel si trova sulla punta settentrionale dell’isola, uno dei simboli di questo paradiso naturale.  Texel ha tantissime piste ciclabili e itinerari cicloturistici. Abbiamo visitato anche le foche a Ecomare. Presso il centro di documentazione Ecomare, situato nel villaggio di De Koog, si possono  conoscere la storia dell’isola e ammirare tanti animali marini, come le foche comuni e i marsuini, che vengono portati qui malati o feriti per essere curati prima di tornare nel loro habitat naturale. Purtroppo la spiegazione sulle foche è stata solo in lingua olandese, ho chiesto spiegazioni al riguardo, mi hanno risposto che gli addetti che parlavano l’inglese stavano facendo un corso e che comunque l’avrei dovuto chiedere al momento dell’acquisto del biglietto. Ma, in un paese come l’Olanda dove l’inglese è ormai obbligatorio anche negli atti pubblici, questo inconveniente mi ha lasciato veramente una cera delusione.

 

Dove alloggiare

Qui abbiamo veramente trovato veramente difficoltà, perché essendo periodo di vacanze per gli olandesi, i vari campeggi presenti sull’isola erano pieni, ma con una gradita sorpresa abbiamo scoperto le fattorie che fanno anche camping, con attacco acqua e luce ed anche servizi igienici. Noi abbiamo soggiornato nella Fattoria Amalia, in mezzo alle mucche e alle caprette, veramente un’esperienza indimenticabile, che i nostri figli non dimenticheranno mai!

(Fattoria Amalia https://camping-amaliatexel.nl 0222 – 31 97 68 info@camping-amaliatexel.nl  Adres Amaliaweg 4 1797 SW Den Hoorn, Texel)

 

Prima di arrivare a Amsterdam, ci siamo fermati ad Edam per visitare la cittadina famosa per l’omonimo   formaggio. E’ un piccolo borgo portuale che si può comodamente girare a piedi. Abbiamo dormito anche qui in una fattoria.

 

Amsterdam

Amsterdam

VII Tappa Amsterdam

Prima di arrivare ad Amsterdam ci siamo fermati a Zaanse Schans, che è un museo a cielo aperto di mulini a vento funzionanti  disposti lungo le sponde del fiume Zaan. Si parcheggia il camper a poche centinaia di metri dal luogo dei mulini.

Tappa fondamentale di ogni viaggio in Olanda e ad Amsterdam è il bellissimo Van Gogh Museum. Uno dei musei più belli della città. Il museo possiede la più ampia collezione di dipinti di Van Gogh del mondo. In realtà, è ben più che solo un museo: è un viaggio nella vita del pittore, attraverso tutti i suoi stadi emotivi, che lo hanno portato a modificare nel tempo la propria visione del mondo e il suo modo di ritrarlo. Si trova sul Museumsplein, la piazza su cui si affacciano i musei della città. È in buona compagnia, insieme al Rijksmuseum, allo Stedelijk Museum e… alla famosissima scritta “I amsterdam”! Amsterdam l’abbiamo passeggiata sia  su una bicicletta, da sotto, sul battello, passeggiando sulle sponde, attraversando i suoi ponti con in mano una macchina fotografica. La  gita lungo i canali è una delle più importanti e romantiche esperienze da fare ad Amsterdam. Toccante è stata la visita alla casa di Anna Frank (i cui biglietti come quelli per il museo di Van Gogh bisogna prenotarli esclusivamente on line!). Infatti la storia di Amsterdam si intreccia con la storia d’Europa e con i tragici eventi della Seconda Guerra Mondiale. Alcuni edifici e luoghi della città, sono testimonianza di quel periodo di orrore e guerra.  La casa di Anna Frank è un luogo carico di storia e di emozione. Oltrepassando la libreria girevole che porta al nascondiglio della famiglia Frank si fa un salto temporale e si vive per un secondo dentro il suo diario. E’ stato un viaggio nella memoria molto commovente. Piazza Dam, la piazza principale di Amsterdam, immensa, gigantesca, attraversata da pedoni, tram, turisti e biciclette, è il cuore della città, animato da fiere, giostre, mercatini e artisti di strada che in ogni periodo dell’anno affollano questa enorme piazza ciottolata.  “dam” in olandese significa diga: proprio qui era stata eretta una diga per dividere il fiume Amstel dallo Ij. Ecco com’è nato il nome Amsterdam!

 

Dove alloggiare

Campeggio Amsterdam Gaasper Indirizzo: Loosdrechtdreef 7, 1108 AZ Amsterdam, Telefono: +31 20 696 7326

Siamo stati veramente fortunati a trovare posto qui. E’ perfetto, molto molto bello. Piazzole enormi. Dalla metro 3 minuti reali in bici. Nella metro potete caricare le bici pagando il biglietto. In 20 minuti si è a central station al centro città. Ottima soluzione per fermarsi più giorni.

VIII Tappa Kinderdijk

A circa 100 Km da Amsterdam, nei dintorni di Dordrecht, in un meraviglioso ambiente ricco d’acqua, sorgono i mulini a vento di Kinderdijk. Diciannove magnifici mulini, costruiti intorno al 1740, fanno parte di un più vasto sistema di gestione delle acque volto a prevenire le inondazioni. Oggi simboleggiano l’attività di controllo delle acque dei Paesi Bassi e, nel 1997, hanno ottenuto il riconoscimento di patrimonio mondiale dell’UNESCO. I mulini di Kinderdijk furono costruiti allo scopo di mantenere asciutto il bassopiano Alblasserwaard. Eretti uno di fronte all’altro, rappresentano un’icona olandese. È possibile inoltre ammirare i numerosi corsi d’acqua, argini, mulini e chiuse e scoprire come gli Olandesi sfruttano l’acqua a proprio vantaggio da oltre mille anni. Per visitarli noi abbiamo parcheggiato il camper all’area di sosta camper che si trova vicino alla fermata del waterbus Alblasserdam e siamo tornati a piedi, ma sinceramente conviene visitare i mulini  in bicicletta, in quanto si possono caricare le biciclette sopra il battello. Una volta preso il battello ad Alblessardam con la linea 20 e ci siamo fermati al porto di Rotterdam per prendere la linea 202 del waterbus che porta direttamente a Kinderdijk.

Dove alloggiare

Camper Park Kinderdijk: Marinaweg 3a, 2952 BX Alblessardam telefono +31653219901.

 

Bruges

Bruges

IX Tappa Bruges

 

Bruges, la capitale delle Fiandre Occidentali, nel nord-ovest del Belgio, si distingue per i canali, le strade ciottolate e gli edifici medievali. Il porto, Zeebrugge, è un importante centro per la pesca e per il commercio europeo. Piazza Burg, in centro città, conserva lo Stadhuis (municipio) del XIV secolo, caratterizzato da un soffitto decorato e scolpito.  I canali che le scorrono attorno come un filo di perle hanno fatto guadagnare alla città il titolo di città più romantica delle Fiandre. E tra le più fotogeniche: con i suoi viali acciottolati, gli archi di mattoni, le chiese di pietra e i pittoreschi ponti è praticamente impossibile scattare una brutta foto! I cigni, i cavalli che tirano i calessi sulle strade e le giunchiglie nel parco regalano infine un tocco magico alla città. Patrimonio dell’umanità UNESCO, Bruges possiede forse il centro città medievale meglio preservato. Uno degli esempi più evidenti è rappresentato dalla torre campanaria che domina il mercato all’aperto. Il patrimonio culturale della città può essere ammirato comodamente a piedi, il centro infatti è zona pedonale, ma per godere maggiormente della sua bellezza vi consigliamo un giro in barca. Essendo piccola e “classica”, Bruges di gira in una mezza giornata.

Dove alloggiare

Non abbiamo dormito a Bruges, ma abbiamo preferito dirigersi verso Bruxelles, per anticiparci la visita del Parlamento Europeo! C’è un area di sosta vicino al centro storico, dove abbiamo parcheggiato il camper per mezza giornata e si chiama Parking Kanaaleiland – Kampeerautoterrein a Bargeweg. Per mezzo giornata abbiamo speso 20 euro!

 

Bruxelles

Bruxelles

X Tappa Bruxelles

La Grand Place di Bruxelles  è considerata una delle più belle piazze del mondo, a pieno diritto nella lista dei luoghi Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Ogni visita a Bruxelles dovrebbe iniziare da qui. Il protagonista principale della Grand Place di Bruxelles è l’Hotel de la Ville, con il San Michele che dall’alto domina la città. Di fronte all’Hotel de la Ville c’è l’antica Casa del Pane, ribattezzata in seguito Maison du Roi. A dispetto del nome, non ci risiede nessun Re mentre c’è un Museo della storia di Bruxelles. Tutto intorno alla Piazza ci sono le Case delle corporazioni, che raccontano la storia dei mestieri che si sono succeduti in piazza e nell’intera città.

La visita al Parlamento Europeo è stata una grande emozione, rappresenta il cuore della democrazia europea. Bruxelles ospita gli uffici principali dei deputati al Parlamento europeo. Una visita all’Emiciclo è il modo migliore per immergersi nell’atmosfera esaltante del parlamento transnazionale più grande al mondo e scoprire i suoi poteri e il suo ruolo.
Per accedere agli edifici del Parlamento europeo è necessario un documento d’identità valido (carta d’identità o passaporto). I visitatori individuali possono visitare l’emiciclo con una guida multimediale, partecipare a un briefing o seguire le sessioni plenarie. Sono previste visite per visitatori individuali, famiglie e piccoli gruppi fino a un massimo di 10 persone.

L’Atomium di Bruxelles è una singolare struttura che si trova nel Parco Heysel, nella periferia nord di Bruxelles. Alta circa 102 metri, rappresenta un cristallo di ferro ingrandito 165 miliardi di volte. Ognuna delle 9 sfere che formano l’Atomium ha un diametro di 18 metri, che le rende adatte ad ospitare mostre, convegni, concerti, conferenze (se ne avete la possibilità anche feste private) oltre alle normali esposizioni sempre presenti. Costruito per l’Esposizione Internazionale del 1958, anche l’Atomium (Come la Torre Eiffel di Parigi) doveva avere vita breve per poi essere smantellato: invece è ancora lì, anzi è rientrato a pieno titolo nel giro dei monumenti di Bruxelles da non perdere. Non siamo entrati a visitarlo in quanto veramente troppo costoso!

Il Mannequin Pis di Bruxelles è uno dei simboli della città di Bruxelles è il soggetto in bronzo di una fontana raffigurante un bambino che fa pipì, chiamato in fiammingo “Mannequin pis” o in francese “l’enfant qui pisse”. Una delle leggende più conosciute sul piccolo Julien, quella che lo vuole come salvatore della città. La storia racconta che fece la pipì sulla miccia di una bomba, salvando così Bruxelles. Il “Mannequin pis” si trova all’incrocio tra Rue de l’Étuve/Stoofstraat e Rue du Chêne/Eikstraat ed è uno dei monumenti più fotografati di Bruxelles.

 

Dove Alloggiare

Anche qui abbiamo trovato difficoltà. Avevamo inizialmente scelto il Camping Grimbergen Indirizzo: Veldkantstraat 64, 1850 Grimbergen, ma era pieno e quindi siamo andati al 3CB Caravan Club Brussels Indirizzo: Warandeberg 52, 1970 Wezembeek-Oppem, gestito da una associazione. Da qui occorre prendere il pullman per andare alla prima fermata di metro, non molto comodo, ma in 45 minuti si è al centro della città. 

 

Schonach

Schonach

XI Tappa Titisee e Triberg

Per tornare verso casa, ci siamo diretti di nuovo in Germania per visitare altri luoghi tipici della Foresta Nera come Triberg im Schwarzwald. E’ un comune tedesco di 5.212 abitanti, situato nella Foresta Nera (Schwarzwald).  Interessanti le cascate con un salto complessivo di 163 metri (le più alte della Germania) e il Museo della Foresta Nera. Famosa per gli orologi a cucù e per le cascate più alte della Germania. Non siamo riusciti a visitare le cascate in quanto tutti i parcheggi per camper erano pieni e facevamo multe se si parcheggiava il camper neipsti adibiti ai bus o macchina.

Bellissimo il lago di Titisee; questo piccolo lago a 30 km da Friburgo nel pieno della foresta nera meridionale! Si parcheggia l’auto a 500 metri dalle sponde in un parcheggio a pagamento e a piedi si raggiunge il lago passando per diversi negozietti. Il lago è tranquillo e con 5 euro a testa si può fare una mini crociera della durata di 25 minuti circumnavigando il bacino. l’acqua d’estate raggiunge anche i 24 gradi ed essendo un lago balneare può essere un’alternativa fare un bel bagno rigenerante! A poca distanza c’è Schonach dove vi è l’orologio a cucù più grande del mondo

Dove alloggiare

Camping Bankenhof 
Indirizzo: Bruderhalde 31A, 79822 Hinterzarten, Germania (Telefono: +49 7652 1351). Molto ben organizzato, peccato il ristorante, ci hanno servito dopo un’ora e mezza!

 

Lago di Braies

Lago di Braies

Val Pusteria

Ultima tappa in  Val pusteria: Lago di Braies-Sesto-San Candido, visitati anni prima. Per riposarci dal giro ci siamo fermati in questo paradiso delle Dolomiti. Naturalmente i campeggi erano stracolmi, ma noi abbiamo parcheggiato  come potevamo e  con 10 euro facevamo il carico e scarico al campeggio di Caravan Park Sexten.

 

 

 

 

 

 

 

 

Galleria Immagini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *